Gottamentor.Com
Gottamentor.Com

Jeff Dunham parla di essere sconvolto a Hollywood



Jeff Dunham and Achmed, the Dead Terrorist in  <em>Jeff Dunham: Sconvolto a Hollywood</em> .

Jeff Dunham e Achmed, il terrorista morto in Jeff Dunham: Sconvolto a Hollywood .(Foto di Todd Rosenberg/NBC)

Jeff Dunham dimostra di non essere uno scemo, anche se alcuni dei suoi amici lo sono, nel suo nuovo speciale comico della NBC Jeff Dunham: Sconvolto a Hollywood .

Il popolare ventriloquo e comico, 53 anni, si esibirà in scenette inedite e dietro le quinte con la sua eccentrica banda di amati personaggi - Walter, Peanut, Achmed the Dead Terrorist e Bubba - oltre a una nuova aggiunta , Piccolo Jeff.


Jeff Dunham: Sconvolto a Hollywood registrato al Dolby Theatre di Hollywood, e Dunham ammette che all'inizio non era sicuro di come se la sarebbe cavata a Tinseltown.

Dice, ho pensato: 'Il Dolby? È lì che fanno il Premi Oscar . Quante persone hai visto andare lì e provare a fare una commedia e morire di una morte orribile cercando di fare cose divertenti? scherzi ?'


Ma Dunham ha deciso di provarci, e felicemente. Dice: Quello di cui sono orgoglioso di più è che ogni battuta abbia successo. Era perché mi esercitavo abbastanza e conoscevo tutti i ritmi. Quando faccio qualcosa del genere, cerco di assicurarmi che ogni respiro sia cronometrato correttamente perché so che queste cose vivranno per molto tempo.



I risultati finali andranno in onda su NBC giovedì sera. Ma prima Dunham ha parlato con Parade.com di ciò che lo ha motivato a creare alcuni dei suoi manichini preferiti.

Cosa ispira i personaggi che crei?

Sfortunatamente per i comici, penso, più il ragazzo è divertente, di solito più spazzatura ha passato nel suo vita . Penso che la migliore ispirazione per qualsiasi fumetto sia proprio quella di vivere la vita e viverla al massimo.


Più passi faccio nella vita, più c'è da cui attingere. Lo sentivo dire quando ero al college. Ho avuto persone che mi dicevano che un comico in realtà non raggiunge il suo passo o almeno un passo abbastanza da continuare ad avere successo fino probabilmente a tardi al college o dopo il college perché non ha vissuto abbastanza la vita.

Non sai davvero di cosa si tratta finché non esci nel mondo reale e prendi un paio di colpi. E quindi, tornando alla tua domanda, penso che ciò che mi ispira sia vedere i miei figli, crescere i miei figli. Le mie figlie hanno 18, 20 e 24 anni. Ora mi sono risposata. E una delle cose più belle dell'essere risposati è che c'è un pozzo completamente nuovo da cui attingere per il materiale. E tra due mesi, io e Audrey avremo due gemelli.

Allora da dove traggo ispirazione? Bene, immagino che il fatto che i miei ragazzi entreranno al college quando avrò 71 anni, come puoi non trarre materiale da quello?

Perché hai creato Walter? È uno dei tuoi più lunghi- in esecuzione personaggi.


Walter era solo questo vecchio con cui sapevo che la gente si sarebbe identificata perché tutti conoscono un vecchio burbero. O sei sposato con lui, o sei lui, o è tuo zio, o lavori per lui.

Walter è entrato in scena quando ero al college, quindi sono passati un paio di decenni ormai. Ed è molto interessante per me perché è iniziato da giovane/anziano. Qui ero single e uscivo insieme e Walter mi prendeva in giro e mi dava consigli per tutto questo.

Ora la vita è progredita. Ho attraversato il matrimonio. Ho avuto figli. Ho attraversato un divorzio. E lungo la strada, il materiale è cambiato perché Walter può darmi consigli o prendermi in giro ad ogni passo lungo la strada. E penso che tutti quei passaggi con cui così tante persone possono identificarsi. So che ciò che fa ridere le persone sono le cose con cui possono identificarsi, che hanno passato o che hanno sentito.

Hai un personaggio chiamato Achmed il terrorista morto? Come è successo?


Non c'è niente di divertente 9/11 . Un anno dopo l'11 settembre, stavamo ancora cercando Osama Bin Laden. Mi sono rivolto a David Letterman, e mi sono rivolto a Jay Leno: su cosa stavano scherzando? Stavano scherzando su di lui e sui ragazzi che l'hanno fatto. Ecco da dove veniva la commedia. Quindi tutti dicevano: Dov'è Osama bin Laden?

Ho pensato, so dov'è. È morto. Ma non è morto. Ed è uno scheletro. E si è nascosto nella valigia con tutti gli altri miei personaggi. Così sono uscito con la prima iterazione di Achmed, che era il morto Osama. E ho scritto materiale come se ci fossero parenti delle vittime seduti nella stanza.

Di cosa riderebbero? Cosa starebbero bene a sentire? A cosa risponderebbero? E poi ho pensato, non ho intenzione di tirarmi indietro e andare a farlo da qualche parte lontano da New York. Il mio primo spettacolo con Osama morto è stato a circa 8 miglia da Ground Zero, appena fuori New York City, in un comedy club.

E ho detto, Signore e signori, c'è una frase che tutti stiamo aspettando di sentire. E questo è Osama Bin Laden è morto. Tutti applaudono. Erano passati 45 minuti dal mio spettacolo, quindi avevo già conquistato il pubblico. Si sono fidati di me. Ho detto, beh, so dov'è. È qui con noi questa sera. Signore e signori, date il benvenuto a Osama bin Laden.


E, naturalmente, la stanza era completamente silenziosa proprio lì. Tutti pensavano, oh, mio ​​Dio. Questo ragazzo l'ha perso. Che cosa orribile sentiremo ora? E questo stupido e maldestro scheletro esce dalla valigia e io ho appena esaminato il materiale. L'ho fatto sembrare un idiota. E tutti risero.

L'ho usato per un paio d'anni. Il tempo è andato avanti. Stavamo per uscire con il mio secondo DVD che è Scintilla di follia . Ho pensato, non posso fare Osama bin Laden. Sarà datato. Non sarà sempreverde. Ogni volta che troviamo il ragazzo, o ogni volta che viene ucciso, sarà datato. Lo so, invece di insultare un ragazzo, insulterò un intero gruppo di persone pericolose e uscirò con un terrorista, solo un terrorista generale. Non sappiamo esattamente dove sia.

L'unica cosa che ho fatto è assicurarmi che tutti sapessero che dice di non essere musulmano. Si capisce perché sul culo c'è scritto: Made in China.

Ci sono nuovi personaggi nello speciale?

Per quanto riguarda un nuovo personaggio in questo particolare speciale, ho avuto una parte che avevo a che fare con il mio personaggio, Peanut, dove Peanut direbbe, ora sono anche un ventriloquo e ho il mio manichino. È il piccolo Jeff.

E lui esce con una piccola versione di me. E mi prende in giro. Quindi, siamo usciti con i manichini da ventriloquo di Little Jeff, ma non vendevano bene dopo gli spettacoli. E ho pensato, sto solo per mostrare questo manichino di Little Jeff sul palco.

Quindi quella piccola pubblicità di 30 secondi si è trasformata in una puntata di 15 minuti due anni dopo, dove presento Little Jeff e mostro come funziona un manichino ventriloquo. E poi va orribilmente in discesa da lì. Quindi questo è il nuovo personaggio nello speciale. Ed è una delle mie parti preferite perché sono solo io che mi prendo gioco di quello che faccio per vivere.

Jeff Dunham: Sconvolto a Hollywood , con la superstar della musica country Brad Paisley, l'attore comico Chris Parnell e il combattente di arti marziali miste ed ex campione UFC Chuck Liddell come guest star, debutterà giovedì 17 settembre alle 20:00. ET/PT su NBC.