Gottamentor.Com
Gottamentor.Com

Focus sull'efficacia: strategie basate sulla ricerca (dal Northwest Regional Educational Laboratory)

Focus on effectiveness Research-based Strategies


Collegare le raccomandazioni della ricerca alla pratica può migliorare l'istruzione. Queste strategie chiave basate sulla ricerca hanno un impatto sui risultati degli studenti, aiutando tutti gli studenti, in tutti i tipi di classi. Le strategie sono organizzate in categorie di pratiche familiari per aiutarti a mettere a punto il tuo insegnamento per migliorare i risultati degli studenti.


Articolo popolare del mese: Icebreakers for Large Groups
Articoli che potrebbero piacerti:

  • 15 migliori attività rompighiaccio
  • 120 domande e risposte sulle curiosità natalizie
  • Domande rompighiaccio
  • Divertenti giochi di campeggio per bambini
  • Oltre 200 domande su obbligo o verità per una festa PAZZA!
  • Divertenti rompighiaccio per bambini, adulti e adolescenti
  • Imparare a conoscerti Giochi rompighiaccio
  • Elenchi e idee per la caccia al tesoro del centro commerciale

Sommario


  • 1 Istruzione tematica
    • 1.1 Principali risultati della ricerca
    • 1.2 Attuazione
    • 1.3 Risorse aggiuntive
  • 2 Identificazione di somiglianze e differenze
    • 2.1 Principali risultati della ricerca
    • 2.2 Attuazione
    • 2.3 Risorse aggiuntive
  • 3 Riassumere e prendere appunti
    • 3.1 Principali risultati della ricerca
    • 3.2 Attuazione
  • 4 Rafforzare lo sforzo
    • 4.1 Principali risultati della ricerca
    • 4.2 Attuazione
  • 5 Compiti a casa e pratica
    • 5.1 Principali risultati della ricerca
    • 5.2 Attuazione
    • 5.3 Risorse aggiuntive
  • 6 Rappresentazione non linguistica
    • 6.1 Principali risultati della ricerca
    • 6.2 Attuazione
    • 6.3 Risorse aggiuntive
  • 7 Raggruppamento cooperativo
    • 7.1 Principali risultati della ricerca
    • 7.2 Attuazione
    • 7.3 Risorse aggiuntive
  • 8 Definizione degli obiettivi
    • 8.1 Principali risultati della ricerca
    • 8.2 Attuazione
    • 8.3 Risorse aggiuntive
  • 9 Fornire feedback
    • 9.1 Principali risultati della ricerca
    • 9.2 Attuazione
    • 9.3 Risorse aggiuntive
  • 10 Generazione e verifica di ipotesi
    • 10.1 Principali risultati della ricerca
    • 10.2 Attuazione
    • 10.3 Risorse aggiuntive
  • 11 Simulazioni e giochi
    • 11.1 Principali risultati della ricerca
    • 11.2 Attuazione
    • 11.3 Risorse aggiuntive
  • 12 suggerimenti, domande e organizzatori avanzati
    • 12.1 Principali risultati della ricerca
    • 12.2 Attuazione
    • 12.3 Risorse aggiuntive
    • 12.4 Post correlati

Istruzione tematica

Un'istruzione tematica efficace implica l'utilizzo di un tema come 'collante concettuale' per gli studenti, rafforzando i legami con la conoscenza. Questo approccio si basa su insegnanti che hanno un forte senso del curriculum come processo di apprendimento e possono vedere modi per collegare l'apprendimento con concetti chiave. L'obiettivo è scegliere temi che si riferiscono alla vita degli studenti per garantire interesse e coinvolgimento nei contenuti. I concetti che funzionano meglio dipendono dall'età e dal livello di sviluppo degli studenti. Inoltre, gli argomenti che si trovano tipicamente in singole aree di contenuto offrono collegamenti ricchi ad altri argomenti, come comunicazione, immigrazione, ritmo, velocità, materia, aggiunta, metafora o onde. Inquadrare un tema come una domanda ('Cosa fa la differenza?', 'Perché ci muoviamo?' O 'Come facciamo a saperlo?') Farà sì che gli studenti facciano (e rispondano) alle domande che contano. Gli insegnanti efficaci impiegano strategie che coinvolgono gli studenti non solo in modi eccitanti o divertenti, ma che creano forti legami tra idee astratte e comprensione.

È stato dimostrato che l'istruzione tematica aumenta il rendimento degli studenti (Beane, 1997; Kovalik, 1994). Un'istruzione efficace presenta nuove informazioni raggiungendo la conoscenza esistente piuttosto che presentare abilità e fatti isolatamente.


Principali risultati della ricerca

  • L'uso di tecnologie in rete può migliorare l'apprendimento quando gli studenti si concentrano sulla risoluzione di problemi autentici e affrontano i problemi che gli adulti devono affrontare in contesti del mondo reale (Cognition and Technology Group at Vanderbilt, 1997).
  • La ricerca cognitiva mostra che i programmi educativi dovrebbero sfidare gli studenti a collegare, collegare e integrare idee e ad apprendere in contesti autentici, tenendo conto della loro percezione dei problemi del mondo reale. (Bransford, Brown, & Cocking, 1999; diSessa, 2000; Linn & Hsi, 2000).
  • I temi sono un modo per comprendere nuovi concetti. Forniscono schemi di organizzazione mentale agli studenti per avvicinarsi a nuove idee (Caine & Caine, 1997; Kovalik, 1994).
  • La ricerca sull'insegnamento basato sul cervello spiega che il cervello apprende e richiama l'apprendimento attraverso schemi non lineari che enfatizzano la coerenza piuttosto che la frammentazione. Più gli insegnanti rendono i modelli di connessione espliciti e accessibili agli studenti, più facilmente il cervello integrerà nuove informazioni (Hart, 1983).
  • Aule libere da minacce, studenti impegnati in esperienze di apprendimento immersivo e curriculum che si connettono alla comunità e alla vita degli studenti sono tutti aspetti dell'insegnamento compatibile con il cervello (Caine & Caine, 1991, 1994, 1997a, b).
  • Gli studenti imparano attraverso diverse modalità, stili e molteplici intelligenze. Gli insegnanti dovrebbero accedere e integrare queste modalità per aumentare le opportunità per gli studenti di accedere e conservare nuove conoscenze (Gardner, 1993).
  • La scelta dello studente richiama il pensiero critico, il processo decisionale e la riflessione. Quando agli studenti viene chiesto di scegliere tra alternative, sono incoraggiati ad assumersi la responsabilità del loro processo di apprendimento (Beane, 1997; Caine & Caine, 1994).

Implementazione

L'istruzione tematica è caratterizzata da una serie di strategie distinte. Gli insegnanti che incorporano l'istruzione tematica impiegano strategie basate sulla ricerca come:



  1. Scegli temi autentici che contano. La scelta di temi che siano autentici connettori di contenuto rafforza la capacità degli studenti di sviluppare fluidità tra le materie scolastiche e di applicarle in contesti del mondo reale. Seleziona concetti o idee che uniranno le discipline e creeranno ponti verso nuove conoscenze.
  2. Impiegare il raggruppamento cooperativo. Utilizzo di piccoli gruppi di apprendimento cooperativo per supportare la risoluzione dei problemi e la cooperazione.
  3. Progettare esperienze di apprendimento basate sull'indagine. Progettare attività pratiche e 'orientate alla mente' aiuta gli studenti a dare un senso ai concetti nel mondo reale applicando ciò che stanno imparando.
  4. Fornire agli studenti la scelta. Un curriculum che fornisce agli studenti le scelte per dimostrare il loro apprendimento consentirà la costruzione di nuove conoscenze, coinvolgerà i singoli studenti e promuoverà l'auto-direzione, l'autonomia e la collaborazione (Bank Street College, 2004).
  5. Crea una classe ricca di risorse. Fornire un ambiente ricco per esplorare il tema in più strade. I computer collegati a Internet, le riviste, i materiali con cui sperimentare e gli strumenti per creare documenti di apprendimento consentono l'elaborazione di nuove conoscenze.
  6. Connettiti all'ambiente locale. Estendi l'aula al quartiere, alla città e all'ambiente integrandoli nel curriculum in modo significativo.
  7. Collabora con altri insegnanti. Collabora con colleageus per portare buone idee nel processo di pianificazione e creare forti legami con altre discipline condividendo le competenze sui contenuti.
  8. Fornisci feedback tempestivi. Il mondo reale fornisce un feedback autentico, permettendoci di interiorizzare l'aspetto e le sensazioni del successo o del fallimento. Il feedback in classe dovrebbe replicare le autentiche situazioni di apprendimento essendo tempestivo e istruttivo.
  9. Collega la valutazione alle prestazioni del mondo reale. Usa autentiche valutazioni delle prestazioni che chiedano agli studenti di applicare ciò che capiscono in modi nuovi.
  10. Usa la tecnologia in modo efficace. Utilizza strumenti tecnologici appropriati per consentire agli studenti di esplorare idee, partecipare a simulazioni e creare nuove connessioni.

Risorse addizionali

Istruzione tematica cross-curriculare, un articolo pubblicato sul sito Web Education Place di Houghton Mifflin. http://www.eduplace.com/rdg/res/vogt.html


Identificazione di somiglianze e differenze

Vedere somiglianze e differenze è un processo cognitivo fondamentale (Gentner e Markman, 1994; Medin, Goldstone e Markman, 1995). Come strategia didattica, include varie attività che aiutano gli studenti a vedere i modelli e creare connessioni. Ad esempio, gli studenti confrontano cose simili e contrastano cose che esprimono differenze. Classificano quando identificano caratteristiche o caratteristiche di un gruppo di oggetti o idee, quindi sviluppano uno schema per organizzare quegli oggetti. Le metafore vengono create quando due idee o esperienze vengono confrontate sulla base di una struttura sottostante comune. Infine, le analogie forniscono un altro modo per identificare le somiglianze e fare confronti. Ogni approccio aiuta il cervello a elaborare nuove informazioni, richiamarle e apprendere sovrapponendo un modello noto a uno sconosciuto per trovare somiglianze e differenze. La ricerca di somiglianze e differenze spinge lo studente a considerare: 'Cosa so già che mi aiuterà a imparare questa nuova idea? Ciò favorisce le relazioni e le connessioni a una nuova comprensione.

Principali risultati della ricerca

  • La ricerca cognitiva mostra che i programmi educativi dovrebbero sfidare gli studenti a collegare, connettere e integrare le idee (Bransford, Brown e Cocking, 1999).
  • I risultati dell'utilizzo di queste strategie possono aiutare ad aumentare il rendimento degli studenti da 31 a 46 punti percentili (Stone, 1983; Stahl & Fairbanks, 1986; Ross, 1988).
  • Gli studenti traggono vantaggio dall'avere somiglianze e differenze evidenziate dall'insegnante in modo esplicito. Ciò può includere discussioni e indagini approfondite, ma consente agli studenti di concentrarsi sulla relazione o di passare a nuove idee (Chen, Yanowitz & Daehler, 1996; Gholson, Smither, Buhrman, & Duncan, 1997; Newby, Ertmer, & Stepich, 1995 ; Solomon, 1995).
  • Gli studenti beneficiano anche della richiesta di costruire le proprie strategie per confrontare somiglianze e differenze (Chen, 1996; Flick, 1992; Mason, 1994, 1995; Mason e Sorzio, 1996).
  • La combinazione di questa strategia con il metodo di utilizzo della rappresentazione non linguistica migliora significativamente i risultati degli studenti (Chen, 1999; Cole & McLeod, 1999; Glynn & Takahashi, 1998; Lin, 1996).

Implementazione

  1. Gli studenti traggono vantaggio dall'istruzione diretta e dalle esperienze aperte nell'identificazione di somiglianze e differenze. Gli insegnanti possono aumentare il potenziale di apprendimento con strategie basate sulla ricerca, come:
  2. Sottolinea somiglianze e differenze. Presenta agli studenti somiglianze e differenze esplicitamente quando questo li aiuta a raggiungere un obiettivo di apprendimento. Come risultato delle istruzioni dell'insegnante, gli studenti riconoscono somiglianze e differenze per capire qualcosa di specifico.
  3. Consenti agli studenti di esplorare da soli somiglianze e differenze. Quando l'obiettivo di apprendimento è coinvolgere gli studenti in un pensiero divergente, chiedi loro di identificare da soli somiglianze e differenze.
  4. Chiedi agli studenti di creare organizzatori grafici. Aiuta gli studenti a creare o utilizzare rappresentazioni grafiche o simboliche di somiglianze e differenze, sistemi di classificazione, confronti e analogie. I suggerimenti includono diagrammi di Venn, tabelle o grafici di confronto, tassonomie gerarchiche e mappe collegate.
  5. Insegna agli studenti a riconoscere le diverse forme. Aiuta gli studenti a riconoscere quando classificano, confrontano o creano analogie o metafore.
  6. Riconosci che tutto il mondo è un palcoscenico. La lingua è ricca di metafora. Man mano che gli studenti incontrano metafore leggendo o parlando, genera un elenco di classi. Le metafore forniscono una fonte di storia, generano riferimenti letterari e suggeriscono nuovi modi per gli studenti di esprimere idee.

Risorse addizionali

L'occhio privato è una risorsa per insegnare agli studenti come usare la metafora, confrontare e contrastare, attraverso l'uso di lenti da gioielliere e domande mirate. http://www.the-private-eye.com


Il Sourcebook for Teaching Science fornisce una guida online su come insegnare la scienza attraverso l'uso di analogie. http://www.csun.edu/~vceed002/ref/analogy/analogy.htm

Riassumere e prendere appunti

Una sintesi efficace porta ad un aumento dell'apprendimento degli studenti. Aiutare gli studenti a riconoscere come sono strutturate le informazioni li aiuterà a riassumere ciò che leggono o ascoltano. Ad esempio, il riepilogo di un compito di lettura può essere più efficace se svolto all'interno di cornici di riepilogo, che tipicamente includono una serie di domande che l'insegnante fornisce per dirigere l'attenzione dello studente su contenuti specifici (Marzano, Pickering e Pollock, 2001). Gli studenti che possono riassumere efficacemente imparano a sintetizzare le informazioni, un'abilità di pensiero di ordine superiore che include l'analisi delle informazioni, l'identificazione dei concetti chiave e la definizione di informazioni estranee.


Prendere appunti è una strategia correlata che gli insegnanti usano per supportare l'apprendimento degli studenti. Senza un'istruzione esplicita nel prendere appunti, tuttavia, molti studenti si limitano a scrivere parole o frasi parola per parola, senza analisi (o buon effetto). Coloro che prendono appunti di successo riassumono per arrivare a una pepita di significato, che è molto più probabile che mantengano. Gli studenti traggono inoltre vantaggio dall'utilizzo dei loro appunti come documento del loro apprendimento. Gli insegnanti possono spingere gli studenti a rivedere e perfezionare i loro appunti, in particolare quando è il momento di prepararsi per un esame, scrivere un documento di ricerca o un'altra valutazione sommativa dell'apprendimento.

Principali risultati della ricerca

  • Gli studenti devono analizzare le informazioni a un livello profondo per decidere quali informazioni eliminare, cosa sostituire e cosa conservare quando viene chiesto loro di fornire un riassunto (Anderson, V., & Hidi, 1988/1989; Hidi & Anderson , 1987).
  • La comprensione della lettura aumenta quando gli studenti imparano a incorporare 'frame di riepilogo' come strumento di riepilogo (Meyer & Freedle, 1984). Le cornici di riepilogo sono una serie di domande create dall'insegnante e progettate per evidenziare passaggi critici del testo. Quando gli studenti utilizzano questa strategia, sono in grado di comprendere meglio ciò che stanno leggendo, identificare le informazioni chiave e fornire un riepilogo che li aiuti a conservare le informazioni (Armbruster, Anderson e Ostertag, 1987).
  • Gli appunti preparati dall'insegnante mostrano agli studenti cosa è importante e come le idee si relazionano, e offrono un modello per come gli studenti dovrebbero prendere appunti da soli (Marzano et al., 2001).
  • Le note dovrebbero essere sia in forma linguistica che non linguistica, comprese reti di idee, schizzi, schemi informali e combinazioni di parole e schemi; e, più note, meglio è (Nye, Crooks, Powlie e Tripp, 1984).
  • Quando gli studenti esaminano e rivedono le proprie note, le note diventano più significative e utili (Anderson & Armbruster, 1986; Denner, 1986; Einstein, Morris, & Smith, 1985).

Implementazione

Insegnando deliberatamente le capacità di riassumere e prendere appunti, gli insegnanti forniscono agli studenti una base più solida per l'apprendimento impiegando strategie basate sulla ricerca come:


  1. Insegna un processo formale. Insegna agli studenti il ​​processo di eliminazione, sostituzione e conservazione per il riepilogo. Una 'strategia basata su regole' per il riepilogo include una serie specifica di passaggi (Brown, Campione e Day, 1981). I passaggi sono:
  2. Elimina parole o frasi non necessarie
  3. Elimina parole o frasi ridondanti
  4. Sostituisci termini superordinati (ad esempio, 'alberi' per pini, querce e aceri)
  5. Seleziona o crea una frase dell'argomento

Quali informazioni possono eliminare perché non sono essenziali o ridondanti? Quando incontrano un vocabolario non familiare o esempi specifici di concetti più generali, possono sostituire un altro termine che li aiuti a ricordare le grandi idee? Quali informazioni è essenziale conservare?

  1. Identifica la struttura esplicita. Aiuta gli studenti a identificare come le informazioni sono strutturate in diversi formati. Ad esempio, quando iniziano a leggere un'opera teatrale, assicurati che capiscano la differenza tra descrizioni delle scene, indicazioni stradali e dialoghi. Usa un giornale per mostrare loro come la scrittura di notizie e opinioni è strutturata in modo diverso. Esaminate insieme un sito Web per assicurarvi di capire quale contenuto è pubblicità a pagamento.
  2. Modello buono per prendere appunti. Modello per i tuoi studenti su come prendere appunti efficaci. Dai loro uno schema delle informazioni che coprirai in classe e invitali a usarlo come punto di partenza per i loro appunti. Mostra loro che gli appunti sono documenti viventi che cambiano e si evolvono man mano che chi prende appunti acquisisce una nuova comprensione.
  3. Riepiloghi dei frame. Usa le domande di inquadratura per focalizzare la loro attenzione sui concetti chiave che vuoi che ricordino. Per incoraggiare gli studenti a sintetizzare le idee, dai loro un limite di parole per riassumere le informazioni in modo conciso.
  4. Personalizzare. Incoraggia gli studenti a personalizzare i propri appunti, utilizzando schizzi, diagrammi, codici colore, reti di idee o altri approcci che abbiano senso per loro. Ciò che conta di più è che gli studenti prendano appunti significativi e utili per loro.
  5. Usa le note come ausili per lo studio. Invita gli studenti a confrontare e discutere i loro appunti in piccoli gruppi come metodo per la revisione e la preparazione del test.

Rafforzare lo sforzo

Sebbene la ricerca sull'apprendimento tenda a concentrarsi su strategie didattiche relative alla materia, le convinzioni e gli atteggiamenti degli studenti hanno un effetto significativo sul loro successo o fallimento a scuola. Gli studenti che crescono tra le sfide possono sviluppare un atteggiamento che 'il fallimento è dietro l'angolo', non importa cosa. La ricerca rende chiara la connessione tra sforzo e successo: credere di poterlo fare spesso lo rende così. Questa ricerca condivide raccomandazioni e tecniche che comprendono il riconoscimento, le convinzioni e le attitudini degli studenti riguardo all'apprendimento.

Principali risultati della ricerca

  • Non tutti gli studenti conoscono la connessione tra sforzo e successo (Seligman, 1990, 1994; Urdan, Migley e Anderman, 1998).
  • Il rendimento degli studenti può aumentare quando gli insegnanti mostrano la relazione tra un aumento dello sforzo e un aumento del successo (Craske, 1985; Van Overwalle e De Metsenaere, 1990).
  • Le ricompense per la realizzazione possono migliorare la realizzazione quando le ricompense sono direttamente collegate al raggiungimento con successo di uno standard di prestazione compreso (Cameron & Pierce, 1994; Wiersma, 1992).
  • Una decisione fondamentale per gli insegnanti è come fornire il riconoscimento. Il riconoscimento astratto o simbolico ha un impatto maggiore delle cose tangibili, come gomme da masticare, biglietti per il cinema o premi (Cameron e Pierce, 1994).

Implementazione

Riconoscere l'apprendimento include tattiche specifiche per migliorare le convinzioni degli studenti sulle loro capacità e su come e quando riconoscerle quando ottengono risultati. Gli insegnanti che comprendono il valore di attingere ai domini affettivi degli studenti per migliorare i risultati utilizzano strategie basate sulla ricerca, come:

giochi di pigiama party
  1. Insegna la relazione tra impegno e successo. Esistono molte storie per creare un legame con personaggi famosi. Disegna esempi dal noto e dall'ignoto in modo che gli studenti riconoscano il successo in tutte le situazioni e in molte situazioni. Incoraggia gli studenti a pensare: che aspetto ha lo sforzo?
  2. Rafforzare lo sforzo. Gli studenti riconosciuti per lo sforzo creeranno il collegamento tra sforzo e miglioramento. Gli studenti dovrebbero essere aiutati a interiorizzare il valore dello sforzo per creare una forte connessione tra lo sforzo e il risultato desiderato.
  3. La rappresentazione visiva dello sforzo può aumentare lo sforzo. Gli studenti che vengono aiutati a progettare un 'registro degli sforzi' utilizzando la rappresentazione grafica avranno maggiori probabilità di vederlo con gli occhi della mente e farvi riferimento durante il lavoro.
  4. Crea una griglia del lavoro di classe. Una classe che condivide una definizione comune di sforzo condividerà anche la comprensione dello sforzo e dei risultati. Se gli studenti sono in gruppi di apprendimento, nelle stesse squadre o in gruppi di studio insieme, avranno un linguaggio comune e un ideale condiviso riguardo allo sforzo e al rendimento.
  5. Fare attenzione a come e quando viene fornito il riconoscimento. Gli elogi verbali per compiti piccoli o facili possono essere interpretati dagli studenti come immeritati e possono effettivamente diminuire lo sforzo. Assicurarsi che vengano forniti elogi e ricompense perché è stato raggiunto un autentico standard di prestazione. Svolgere un'attività secondo uno standard predeterminato può essere degno di una ricompensa e portare a un aumento degli sforzi e della motivazione.
  6. Riconosci i singoli studenti per il progresso personale. La vittoria di solito indica che altri hanno perso o sono 'sotto il vincitore'. Quando gli studenti hanno obiettivi personali o raggiungono standard di eccellenza predeterminati, il riconoscimento è per il successo personale, che è unico per ogni studente.
  7. Rendi chiaro il vero obiettivo dello sforzo. 'Più ci provi, più hai successo' è ciò che l'atto di riconoscimento dovrebbe comunicare agli studenti, non 'più ci provi, più premi ottieni'. Rendilo chiaro agli studenti e applicalo nella pratica.

Compiti a casa e pratica

I compiti a casa e la pratica sono correlati, collegati dal contesto in cui gli studenti imparano da soli e applicano nuove conoscenze. Insegnanti efficaci si avvicinano a questo tipo di esperienza di apprendimento come a qualsiasi altra, abbinando l'attività pianificata all'obiettivo di apprendimento. La ricerca sui compiti a casa indica che dovrebbe essere affrontato non come un ripensamento della giornata scolastica, ma come una strategia mirata per aumentare la comprensione. Sapere quale tipo di compiti è necessario aiuta gli insegnanti a progettare compiti a casa appropriati.

Pratica significa che gli studenti sono impegnati ad applicare il nuovo apprendimento, spesso ripetutamente. L'obiettivo della pratica è che gli studenti si avvicinino il più possibile alla padronanza. La ricerca sui compiti e la pratica risponde a domande importanti: quando gli studenti dovrebbero dedicare tempo alla pratica? Quante abilità dovrebbero esercitare gli studenti contemporaneamente? In che modo gli insegnanti possono garantire una forte connessione tra memorizzazione e comprensione? Quanta pratica è necessaria per la padronanza? Una pratica efficace degli studenti è la chiave per il rendimento degli studenti.

Principali risultati della ricerca

  • Il livello dei voti è importante quando gli insegnanti assegnano i compiti. L'impatto dei compiti a casa sul rendimento aumenta man mano che gli studenti passano da un anno all'altro (Cooper, 1989, a, b). A livello di scuola superiore, per ogni 30 minuti aggiuntivi di compiti completati giornalmente, il GPA di uno studente può aumentare fino a mezzo punto (Keith, 1992). Agli studenti delle elementari dovrebbero essere assegnati compiti a casa per stabilire buone abitudini di apprendimento e studio (Cooper, 1989; Cooper, Lindsay, Nye, & Greathouse, 1998; Gorges & Elliot, 1999).
  • Gli insegnanti dovrebbero assegnare compiti a casa appropriati a livelli didattici che corrispondano alle abilità degli studenti e fornire conseguenze positive per il completamento dei compiti (Rademacher, Deshler, Schumacher, & Lenz, 1998; Rosenberg, 1989).
  • Un sondaggio tra insegnanti di studenti con difficoltà di apprendimento ha rilevato che l'80% degli insegnanti assegnava regolarmente i compiti, ma pochi abbinavano i compiti alle capacità degli studenti e fornivano feedback o conseguenze positive per le prestazioni dei compiti (Salend & Schliff, 1989).
  • Gli studenti dovrebbero ricevere un feedback sui loro compiti. I risultati degli studenti possono variare in base al tipo di feedback fornito dall'insegnante (Walberg, 1999). Valutare i compiti a casa è utile, ma i compiti in cui un insegnante ha incorporato commenti istruttivi hanno il maggiore effetto sull'apprendimento.
  • I compiti a casa forniscono il tempo e l'esperienza necessari agli studenti per sviluppare abitudini di studio che supportano l'apprendimento. Sperimentano i risultati del loro sforzo così come la capacità di far fronte a errori e difficoltà (Bempechat, 2004).
  • La maestria richiede pratica mirata per giorni o settimane. Dopo solo quattro sessioni di pratica gli studenti raggiungono un punto intermedio verso la padronanza. Ci vogliono più di 24 sessioni di pratica in più prima che gli studenti raggiungano l'80% di padronanza. E questa pratica deve avvenire nell'arco di giorni o settimane e non può essere affrettata (Anderson, 1995; Newell e Rosenbloom, 1981).
  • Gli insegnanti negli Stati Uniti tendono a comprimere molte abilità in sessioni pratiche e unità didattiche. Gli studenti imparano di più quando viene loro permesso di praticare meno abilità o concetti, ma a un livello più profondo (Healy, 1990).
  • I processi complessi dovrebbero essere suddivisi in parti più piccole, o abilità, che dovrebbero essere insegnate con il tempo assegnato per la pratica e l'adattamento degli studenti (Marzano, Pickering e Pollock, 2001).
  • Il coinvolgimento dei genitori nei compiti a casa può ostacolare l'apprendimento degli studenti (Balli, 1998; Balli, Demo, e Wedman, 1997, 1998; Perkins e Milgram, 1996). Un adeguato coinvolgimento dei genitori facilita il completamento dei compiti.

Implementazione

Compiti a casa appropriati e pratica dello studente ben progettata aumenteranno l'apprendimento degli studenti. Alcuni cambiamenti chiave nella pratica possono fare una differenza significativa nel rendimento degli studenti aumentando gli effetti positivi. La ricerca suggerisce idee per pianificare i compiti e le attività a supporto della pratica:

  1. Comprendi i quattro tipi di compiti a casa. Scopri quando e perché far esercitarsi agli studenti:
    1. Memorizzazione di regole, algoritmi o leggi di base in modo che l'abilità diventi meccanica.
    2. Aumento della velocità delle abilità, utilizzato per migliorare le capacità degli studenti di applicare queste abilità nella risoluzione di problemi più complessi.
    3. Approfondire la comprensione di un concetto, fornire agli studenti il ​​tempo per leggere ulteriormente, elaborare una nuova idea ed espandere la loro comprensione.
    4. Preparazione per l'apprendimento del giorno successivo, come un organizzatore anticipato o uno spunto per aumentare la disponibilità a nuove informazioni.
  2. Abbina il tipo giusto all'obiettivo. Assegna il tipo di compiti a casa appropriato per raggiungere l'obiettivo di apprendimento per rendere i compiti a casa un'esperienza di apprendimento più mirata.
  3. Assegna il giusto livello di compiti a casa. I compiti a casa dovrebbero essere a livello didattico corrispondente alle capacità degli studenti.
  4. Assegna la giusta quantità di tempo per i compiti. Una buona regola pratica è moltiplicare il voto x 10 per approssimare la giusta quantità di minuti per notte per gli studenti.
  5. Applicare conseguenze coerenti. Fornire un riconoscimento positivo per il completamento dei compiti e conseguenze appropriate in caso di mancato completamento.
  6. Riconosci l'unicità degli studenti. Gli studenti hanno bisogno di tempo per adattarsi e modellare ciò che stanno imparando mentre praticano. Man mano che si esercitano, dato il tempo, incorporeranno la nuova abilità in una base di conoscenza della loro comprensione approfondita.
  7. Fornisci politiche chiare sui compiti. Creare e comunicare una politica sui compiti a casa a livello di scuola. Le politiche sviluppate nelle singole classi possono comunicare un messaggio misto ai genitori e creare confusione e frustrazione. Includere aspettative, conseguenze, linee guida e suggerimenti utili nelle politiche dei compiti scolastici.
  8. Chiedi ai genitori di facilitare il completamento dei compiti, non di insegnare i contenuti. Comunica i modi in cui le famiglie possono sostenere i compiti. I genitori dovrebbero fornire un tempo e un luogo regolari in casa affinché i figli completino i compiti. Aiuta i genitori a capire che non ci si aspetta che siano esperti di contenuti. Se uno studente ha bisogno di aiuto con i contenuti, significa che il compito a casa potrebbe essere troppo difficile.
  9. I compiti dovrebbero avere uno scopo chiaro. Rendi l'obiettivo di un compito a casa esplicito e chiaro a tutti, compresi gli studenti.
  10. Fornisci un feedback appropriato. Un feedback efficace corregge le incomprensioni, convalida il processo ed evidenzia gli errori di pensiero.
  11. Fornisci feedback tempestivi. L'apprendimento degli studenti migliora con un feedback tempestivo. È meglio fornire un feedback costruttivo entro poche ore o un giorno dopo che gli studenti hanno completato un compito.
  12. Crea strutture di supporto per i compiti. Riviste, tracker e altri strumenti aiutano gli studenti a organizzare i compiti e supportano la comunicazione tra studente, insegnante e genitori.

Risorse addizionali

Aumentare il coinvolgimento e la motivazione degli studenti: From Time-on-Task to Homework è una pubblicazione del Northwest Regional Educational Laboratory che include una sintesi della ricerca e delle vignette delle scuole nella regione del nord-ovest. Http://www.nwrel.org/request/ oct00 / index.html

Rappresentazione non linguistica

Tutti i sensi entrano in gioco nell'apprendimento. Nella maggior parte delle classi, tuttavia, la lettura e le lezioni dominano l'istruzione, coinvolgendo gli studenti attraverso la modalità linguistica. Gli studenti acquisiscono e conservano la conoscenza anche in modo non linguistico, attraverso immagini visive, modalità cinestesiche o corporee, esperienze uditive e così via. Gli insegnanti che desiderano trarre vantaggio da tutte le modalità di apprendimento incoraggeranno gli studenti a fare rappresentazioni non linguistiche del loro pensiero. Questi possono assumere molte forme. Quando gli studenti realizzano mappe concettuali, reti di idee, drammatizzazioni e altri tipi di rappresentazione non linguistica, stanno attivamente creando un modello del loro pensiero. Le simulazioni al computer incoraggiano anche l'esplorazione e la sperimentazione consentendo agli studenti di manipolare la loro esperienza di apprendimento e visualizzare i risultati. Quando gli studenti spiegano i loro modelli, mettono in parole il loro pensiero. Ciò può portare a nuove domande e discussioni, che a loro volta promuoveranno un pensiero più profondo e una migliore comprensione.

nomi di animali domestici per la fidanzata

Principali risultati della ricerca

  • Gli studenti acquisiscono e immagazzinano la conoscenza in due modi principali: linguistico (leggendo o ascoltando lezioni) e non linguistico (attraverso immagini visive, modalità cinestesiche o del corpo intero e così via). Più gli studenti usano entrambi i sistemi di rappresentazione della conoscenza, meglio sono in grado di pensare e ricordare ciò che hanno appreso (Marzano, Pickering e Pollock, 2001).
  • Le rappresentazioni visive aiutano gli studenti a riconoscere come si collegano gli argomenti correlati (NCTM, 2000).
  • Trovare modelli aiuta gli studenti a organizzare le loro idee in modo che possano in seguito ricordare e applicare ciò che hanno imparato. La ricerca ha mostrato un aumento della comprensione della geometria quando gli studenti imparano a rappresentare e visualizzare forme tridimensionali (Bransford et al., 1999; Lehrer & Chazen, 1998).
  • Dopo il brainstorming per generare idee, gli studenti possono migliorare le loro capacità di lettura, scrittura e pensiero utilizzando mappe del pensiero che li aiutino a organizzare i concetti chiave in modo visivo (Hyerle, 1996).
  • L'utilizzo di software di rappresentazione visiva in una classe di scienze aiuta gli studenti a esprimere la loro comprensione in via di sviluppo dei concetti fondamentali della chimica sotto forma di rappresentazioni visive che vengono prontamente create e condivise. Queste rappresentazioni aiutano gli studenti a generare spiegazioni dei fenomeni che stanno indagando. (Michalchik, V., Rosenquist, A., Kozma, R., Kreikemeier, P., Schank, P., & Coppola, B., in corso di stampa).

Implementazione

Aiutare gli studenti a comprendere e rappresentare la conoscenza in modo non linguistico è la strategia didattica più sottoutilizzata (Marzano et al., 2001). Per trarre vantaggio da questo strumento di insegnamento è necessario concentrarsi sulla pratica corrente in classe e cercare opportunità per coinvolgere gli studenti in più modalità. La ricerca suggerisce le migliori pratiche per l'istruzione:

  1. Modello di utilizzo di nuovi strumenti. Le attività che implicano la rappresentazione non linguistica possono essere nuove per gli studenti che sono abituati ad apprendere attraverso lezioni e letture. Impreziosisci l'apprendimento degli studenti mentre introduci attività come mappe concettuali, idee web e simulazioni al computer modellando come utilizzare gli strumenti che li aiutano a rappresentare il loro pensiero in modo non verbale. Rimuovere gradualmente gli scaffold in modo che gli studenti alla fine lavorino in modo indipendente con il nuovo strumento o tecnologia.
  2. Usa modalità non linguistiche nelle aree dei contenuti. Le aule di matematica e scienze offrono ambienti ideali per incorporare esperienze di apprendimento non linguistico. Le aule di arti linguistiche forniscono connessioni naturali dalla classificazione delle parole alla modellazione delle trame. Modelli, grafici, immagini e altri strumenti consentono agli studenti di impegnarsi attivamente nella costruzione di rappresentazioni della loro comprensione.
  3. Favorire l'apprendimento cooperativo. Incoraggia gli studenti a lavorare in piccoli gruppi quando costruiscono rappresentazioni non linguistiche. Le domande e le discussioni degli studenti li aiuteranno a comunicare e ad affinare il loro pensiero.
  4. Insegna anche l'interpretazione delle forme non linguistiche. Trovare modelli aiuta gli studenti a organizzare le loro idee in modo che possano in seguito ricordare e applicare ciò che hanno imparato. Insegna agli studenti a rappresentare e interpretare le informazioni in grafici, diagrammi, mappe e altri formati che li aiuteranno a vedere i modelli e stabilire connessioni.
  5. Le simulazioni offrono nuove modalità di apprendimento. Utilizza un software di simulazione o simulazioni online per consentire agli studenti di esercitarsi a fare previsioni e testare i risultati. Combina la sperimentazione non linguistica con la discussione verbale, che spinge gli studenti a riflettere attraverso la loro comprensione e a sollevare nuove domande.
  6. Stimola le connessioni corpo-mente. L'apprendimento cinestetico non è solo per i gradi primari. Gli studenti più grandi continuano a imparare attraverso le attività fisiche. Incorpora drammatizzazioni, danza, musica, simulazioni e altre esperienze di apprendimento attivo.
  7. Integra le forme non linguistiche nel prendere appunti. Incoraggia gli studenti a prendere appunti che siano significativi per loro. Modello di utilizzo di schizzi, grafici e simboli.

Risorse addizionali

Il Consiglio per i bambini eccezionali fornisce una bibliografia e risorse sugli organizzatori grafici. http://www.ericec.org/minibibs/eb21.html

Il Carleton College pubblica un sito Web sull'insegnamento con la visualizzazione. Http://serc.carleton.edu/NAGTWorkshops/visualization/index.html

Raggruppamento cooperativo

L'apprendimento cooperativo è in realtà un termine generico che si riferisce a numerosi metodi per raggruppare gli studenti. Almeno 10 metodi differenti sono stati formalmente descritti nella letteratura di ricerca. Pertanto, l ''apprendimento cooperativo' come strategia richiede uno sguardo più attento per trarre vantaggio dai potenziali benefici per gli studenti. Un apprendimento cooperativo efficace si verifica quando gli studenti lavorano insieme per raggiungere obiettivi condivisi e quando sono in atto strutture positive per supportare tale processo (Johnson & Johnson, 1999) .Anche se è stato dimostrato che l'uso appropriato dei gruppi di studenti per l'apprendimento produce miglioramenti significativi dell'apprendimento in tutte le discipline , l'applicazione di successo del raggruppamento cooperativo nelle classi sfugge ancora a molti educatori (Johnson & Johnson). I criteri per gruppi di apprendimento cooperativo efficaci includono:

  • Gli studenti capiscono che la loro appartenenza a un gruppo di apprendimento significa che riescono o falliscono, insieme. (Deutsch, 1962).
  • 'Interdipendenza positiva' include obiettivi reciproci, ricompense congiunte, interdipendenza delle risorse (ogni membro del gruppo ha risorse diverse che devono essere combinate per completare l'incarico) e interdipendenza dei ruoli (a ogni membro del gruppo viene assegnato un ruolo specifico).
  • Gli studenti si aiutano a vicenda a imparare e incoraggiano il successo dei singoli membri del team.
  • Gli individui del gruppo comprendono che sono responsabili l'uno dell'altro e del gruppo come unità distinta.
  • Sono presenti abilità interpersonali e in piccoli gruppi, tra cui comunicazione, processo decisionale, risoluzione dei conflitti e gestione del tempo.
  • I membri sono consapevoli dei processi del gruppo. I singoli membri parlano del 'gruppo' come di un'entità unica.

Principali risultati della ricerca

  • Organizzare gli studenti in gruppi eterogenei di apprendimento cooperativo almeno una volta alla settimana ha un effetto significativo sull'apprendimento (Marzano, Pickering e Pollock, 2001).
  • Gli studenti con basse capacità ottengono risultati peggiori se raggruppati in gruppi di abilità omogenei (Kulik & Kulik, 1991, 1997; Lou et al, 1996).
  • Potrebbe non esserci nessun'altra strategia didattica che ottenga simultaneamente risultati così diversi come il raggruppamento cooperativo. La quantità, la generalizzabilità, l'ampiezza e l'applicabilità della ricerca sugli sforzi cooperativi, competitivi e individualistici fornisce una considerevole convalida dell'uso dell'apprendimento cooperativo per ottenere risultati diversi, inclusi risultati, tempo sul compito, motivazione, trasferimento dell'apprendimento e altri benefici (Cohen, 1994a; Johnson, 1970; Johnson & Johnson, 1974, 1978, 1989, 1999a, 2000; Kohn, 1992; Sharan, 1980; Slavin, 1977, 1991).
  • L'apprendimento cooperativo può essere inefficace quando le strutture di supporto non sono presenti (Reder & Simon, 1997).

Implementazione

Raggruppare gli studenti per lavorare in modo collaborativo e cooperativo offre vantaggi agli studenti. Gli insegnanti che riescono a facilitare l'apprendimento cooperativo utilizzano strategie basate sulla ricerca, come:

  1. Crea il giusto tipo di gruppo per le necessità. A volte è necessario un gruppo ad hoc informale occasionale, come coppia e condivisione. I gruppi di base sono formati per il supporto sociale e interpersonale a lungo termine. I gruppi di apprendimento formale vengono utilizzati quando è richiesto un impegno di tempo e impegno.
  2. Mantieni piccole le dimensioni del gruppo. Idealmente, i gruppi di apprendimento includono non più di quattro studenti. I gruppi base possono essere più grandi, fino a sei studenti.
  3. Usa il raggruppamento delle abilità con parsimonia. Gli studenti di tutto lo spettro di abilità traggono vantaggio da raggruppamenti eterogenei, in particolare gli studenti con scarse capacità.
  4. Non utilizzare l'apprendimento cooperativo per tutti gli obiettivi didattici. Sebbene l'apprendimento cooperativo sia una strategia potente, può essere abusato o applicato in modo errato. Gli studenti hanno bisogno di tempo per indagare sulle idee e perseguire i propri interessi.
  5. Usa una varietà di strategie quando scegli gli studenti per i gruppi. Molte strategie di selezione (abbigliamento comune, colori preferiti, lettere nei nomi, compleanni) funzioneranno quando si tenta di raggruppare gli studenti in modo casuale.
  6. Facilita il successo. Sviluppare strumenti organizzativi, moduli, diari di apprendimento e altri documenti di strutturazione che promuovano i processi regolari necessari per una cooperazione efficace e il lavoro di gruppo. Usa strumenti online per l'accesso onnipresente ai moduli.
  7. Supporta nuovi gruppi. L'apprendimento cooperativo è un'abilità praticata che richiede monitoraggio e adattamento. Insegna abilità specifiche prima di raggruppare gli studenti, definisci i criteri per il successo e sviluppa le rubriche per le aspettative chiave. Incontra nuovi membri del gruppo per sostenere il loro successo.

Risorse addizionali

Il Cooperative Learning Center è un centro di ricerca e formazione ospitato presso l'Università del Minnesota incentrato su come gli studenti dovrebbero interagire tra loro in modo efficace. Lì troverai articoli, ricerche, una newsletter e altre risorse. Il team di ricerca di Roger T. Johnson e David W. Johnson risponderà anche alle domande inviate dagli insegnanti sull'apprendimento cooperativo, e le risposte precedenti possono essere trovate nella loro sezione Q&A. http://www.co-operation.org/

Definizione degli obiettivi

La definizione degli obiettivi implica comportamenti specifici dell'insegnante e dello studente, inclusi il processo decisionale e la comunicazione. In primo luogo, gli insegnanti selezionano e perfezionano gli obiettivi di apprendimento. Questi obiettivi possono essere ristretti o ampi, specifici o generali. Gli studi sulla definizione di obiettivi efficaci suggeriscono che gli obiettivi con un focus ristretto ridurranno effettivamente al minimo l'apprendimento, perché gli studenti si concentrano su ciò che è stato comunicato come importante. Se gli obiettivi sono troppo focalizzati, gli studenti ignoreranno le informazioni correlate. In secondo luogo, la definizione degli obiettivi è un atto di comunicazione. Poiché gli studenti si concentrano su ciò che è stato stabilito come obiettivo, la comunicazione di tali obiettivi diventa centrale per il successo. La definizione degli obiettivi, quindi, diventa un esercizio ponderato nel considerare come generalizzare gli obiettivi di apprendimento selezionati assicurando al contempo la concentrazione dello studente, quindi lasciando che gli studenti partecipino al processo attraverso una comunicazione chiara.

Principali risultati della ricerca

  • Gli obiettivi didattici non dovrebbero essere troppo specifici. Quando gli obiettivi sono troppo strettamente focalizzati possono limitare l'apprendimento (Fraser, 1987; Walberg, 1999).
  • Se gli studenti sono incoraggiati a personalizzare gli obiettivi dell'insegnante, l'apprendimento aumenta. La titolarità degli studenti migliora la concentrazione sull'apprendimento. Gli studi mostrano i vantaggi degli studenti che stabiliscono sotto-obiettivi derivati ​​dagli obiettivi più ampi definiti dall'insegnante (Bandura & Schunk, 1981; Morgan, 1985).
  • Alcuni studi indicano che i 'contratti' di apprendimento degli studenti sono efficaci nello sviluppo della titolarità degli studenti e nel completamento degli obiettivi. Un contratto sarebbe un accordo tra studente e insegnante per un voto che gli studenti riceveranno se soddisfano i criteri stabiliti (Kahle e Kelly, 1994; Miller e Kelley, 1994; Vollmer, 1995).

Implementazione

La definizione degli obiettivi di apprendimento è un'altra pratica didattica che trae vantaggio dalla messa a punto. Gli insegnanti che stabiliscono, definiscono e comunicano obiettivi di apprendimento appropriati impiegano strategie basate sulla ricerca come:

  1. Gli obiettivi dovrebbero essere flessibili e generali. Se un obiettivo è troppo focalizzato su un risultato ben definito, limita il potenziale di apprendimento. Se agli studenti viene mostrato un esempio di apprendimento di successo, si inibirà la possibile gamma di artefatti che gli studenti creerebbero nella loro autentica costruzione della conoscenza. Se gli studenti capiscono che l'obiettivo è che imparino come funziona un pistone, potrebbero non riuscire a imparare la sua relazione con le altre parti di un motore.
  2. La proprietà degli studenti fa la differenza. Chiedi agli studenti di creare i propri obiettivi. Aiutali a personalizzare e perfezionare la propria serie di obiettivi condividendo esempi, modellando il processo o creando strategie per la documentazione e il completamento, come contratti, registrazioni video o diari di apprendimento.
  3. Concedi agli studenti abbastanza tempo per adattare gli obiettivi. Dai agli studenti il ​​tempo di adattare i concetti e le idee negli obiettivi ai loro interessi, stili di apprendimento e base di conoscenza esistente.
  4. Usa organizzatori anticipati per introdurre gli obiettivi. Utilizzare strategie correlate per migliorare l'introduzione degli obiettivi per gli studenti. Gli organizzatori avanzati possono aiutare gli studenti a prepararsi, concentrarsi e personalizzare gli obiettivi.
  5. Aiuta gli studenti a comprendere diversi tipi di obiettivi. Ci sono obiettivi a breve e lungo termine. Nelle classi con diverse pratiche didattiche, la definizione e il raggiungimento degli obiettivi possono richiedere molte forme. Fornire agli studenti la pratica nella definizione degli obiettivi personali e nel soddisfarli in contesti diversi.
  6. Focalizza gli obiettivi sulla comprensione. Assicurati che gli obiettivi riguardino meno il completamento delle attività e più concentrati sulla comprensione e l'applicazione dei concetti.

Risorse addizionali

Il North Central Regional Educational Laboratory pubblica una risorsa online intitolata Pathways to School Improvement. Pathways sintetizza ricerca, politiche e buone pratiche su questioni critiche per gli educatori impegnati nel miglioramento della scuola. Vedere Problemi critici: lavorare verso l'autodirezione degli studenti e l'efficacia personale come obiettivi educativi. Http://www.ncrel.org/sdrs/areas/issues/students/learning/lr200.htm

Fornire feedback

Fornire il giusto tipo di feedback agli studenti può fare una differenza significativa nei loro risultati. Ci sono due considerazioni chiave. Innanzitutto, il feedback che migliora l'apprendimento risponde ad aspetti specifici del lavoro degli studenti, come le risposte ai test o ai compiti a casa, e fornisce suggerimenti specifici e correlati. Deve esserci un forte legame tra il commento dell'insegnante e la risposta dello studente e deve essere istruttivo. Questo tipo di feedback estende l'opportunità di insegnare alleviando i malintesi e rafforzando l'apprendimento. In secondo luogo, il feedback deve essere tempestivo. Se gli studenti ricevono un feedback non più di un giorno dopo la consegna di un test o di un compito a casa, aumenterà la finestra di opportunità per l'apprendimento. Il feedback è una strategia basata sulla ricerca che insegnanti e studenti possono mettere in pratica per migliorare il proprio successo.

Principali risultati della ricerca

  • Quando il feedback è di natura correttiva, cioè spiega dove e perché gli studenti hanno commesso errori, si verificano aumenti significativi nell'apprendimento degli studenti (Lysakowski e Walberg, 1981, 1982; Walberg, 1999; Tennenbaum e Goldring, 1989).
  • È stato dimostrato che il feedback è una delle attività più significative in cui un insegnante può impegnarsi per migliorare i risultati degli studenti (Hattie, 1992).
  • Chiedere agli studenti di continuare a lavorare su un compito fino a quando non è completato e accurato (fino a quando lo standard non è soddisfatto) migliora i risultati degli studenti (Marzano, Pickering, & Pollock, 2001).
  • Un feedback efficace è tempestivo. Il ritardo nel fornire feedback agli studenti diminuisce il suo valore per l'apprendimento (Banger-Drowns, Kulik, Kulik e Morgan, 1991).
  • Amministrare i test per ottimizzare l'apprendimento. Dare test un giorno dopo un'esperienza di apprendimento è meglio che testare immediatamente dopo un'esperienza di apprendimento (Bangert-Downs, Kulik, Kulik e Morgan, 1991).
  • Le rubriche forniscono agli studenti criteri utili per il successo, rendendo loro più chiari i risultati di apprendimento desiderati. Il feedback basato su criteri fornisce il giusto tipo di guida per migliorare la comprensione degli studenti (Crooks, 1988; Wilburn & Felps, 1983).
  • Risultati di apprendimento efficaci da parte degli studenti che forniscono il proprio feedback, monitorando il proprio lavoro in base a criteri stabiliti (Trammel, Schloss, & Alper, 1994; Wiggins, 1993).

Implementazione

Metti a punto il modo in cui fornisci feedback concentrandoti sui dettagli di ciò che dici, così come su quando lo dici. La ricerca suggerisce le migliori pratiche per fornire feedback:

  1. Aumenta il valore dei test e dei compiti. Fornire solo un voto o un numero su un test o un compito a casa esclude le informazioni critiche per gli studenti. Prenditi del tempo per scrivere commenti, sottolineare le omissioni e spiegare il tuo pensiero quando rivedi il lavoro degli studenti.
  2. Dai valore al feedback. Il feedback è migliore quando è di natura correttiva. Aiuta gli studenti a vedere i loro errori e ad imparare come correggerli fornendo un feedback esplicito e informativo quando restituiscono il lavoro degli studenti. Rendi il feedback un'altra parte del processo di apprendimento.
  3. Non ritardare il feedback. Più a lungo gli studenti devono attendere il feedback, più debole diventa la connessione al loro sforzo e meno è probabile che ne traggano vantaggio.
  4. Aiuta gli studenti a farlo bene. Se gli studenti sanno che vuoi vederli avere successo e sei disposto ad aiutare a spiegare come, il loro apprendimento migliora. Offri agli studenti l'opportunità di migliorare, riprovare e farlo bene.
  5. Chiedi agli studenti di fornire un feedback. Gli studenti possono monitorare e fornire feedback ad altri studenti, nonché confrontare il proprio lavoro con i criteri. Coinvolgere gli studenti nella revisione del proprio lavoro e di altri.
  6. Dai tempo agli studenti per assorbire nuove idee. I test sono più efficaci come opportunità di apprendimento se è trascorso un giorno tra le esperienze di apprendimento e il test.
  7. Usa le rubriche. Le rubriche forniscono criteri in base ai quali gli studenti possono confrontare il loro apprendimento. Coinvolgere gli studenti nello sviluppo delle rubriche. Le rubriche aiutano gli studenti a concentrare i loro sforzi.

Risorse addizionali

RubiStar è uno strumento online gratuito che gli insegnanti possono utilizzare per creare e salvare rubriche. Sviluppato dall'High Plains Regional Technology in Education Consortium, RubiStar include un tutorial per i nuovi utenti e una funzionalità che consente agli insegnanti di analizzare i dati degli studenti e identificare le aree per concentrare l'istruzione aggiuntiva. http://rubistar.4teachers.org/index.php

Generazione e verifica di ipotesi

In tutte le aree di contenuto e i livelli di voto, l'indagine in classe trasforma la curiosità dei nativi a vantaggio dello studente. Insegnanti efficaci creano queste opportunità per guidare gli studenti attraverso il processo di porre buone domande, generare ipotesi e previsioni, indagare attraverso test o ricerche, fare osservazioni e infine analizzare e comunicare i risultati. Attraverso esperienze di apprendimento attivo, gli studenti approfondiscono la loro comprensione dei concetti chiave.

L'inchiesta va ben oltre l'aula di scienze. In matematica, gli studenti fanno previsioni in base alla loro comprensione delle statistiche. Nella storia, gli studenti cercano prove a sostegno della loro teoria sul perché si siano svolti determinati eventi. Nelle arti linguistiche, gli studenti prevedono cosa accadrà dopo in una storia sulla base di eventi già accaduti. In ogni contesto, gli insegnanti possono rendere l'indagine più efficace impalcando l'esperienza di apprendimento.

Principali risultati della ricerca

  • La comprensione aumenta quando agli studenti viene chiesto di spiegare i principi scientifici su cui stanno lavorando e le ipotesi che generano da questi principi (Lavoie, 1999; Lavoie & Good, 1988; Lawson, 1988).
  • Generando e verificando un'ipotesi, gli studenti applicano la loro comprensione concettuale (Marzano, Pickering e Pollock, 2001).
  • Confrontando l'istruzione basata sull'indagine e metodi di insegnamento più tradizionali (come lezioni e istruzione basata sui libri di testo), i ricercatori hanno scoperto che i metodi di indagine aiutano gli studenti ad acquisire una migliore comprensione dei concetti fondamentali della scienza (White & Frederickson, 1997, 1998).
  • Un approccio interattivo all'insegnamento dei concetti di fisica fornisce un ambiente migliore per l'apprendimento degli studenti rispetto all'istruzione tradizionale basata sui libri di testo (Hake, 1998).

Implementazione

Perfeziona il tuo uso dell'indagine concentrandoti su come gli studenti generano e testano ipotesi e previsioni. La ricerca suggerisce le migliori pratiche per l'istruzione:

  1. Le buone domande fanno ipotesi migliori. Insegna agli studenti come formulare una buona domanda. Aiutali a restringere la loro indagine a un argomento che possono ragionevolmente esplorare.
  2. Chiedi spiegazioni. Incoraggia gli studenti a spiegare ad alta voce le loro ipotesi o previsioni. Questo li spingerà a spiegare la loro comprensione dei concetti sottostanti, offrendoti una finestra sulla loro comprensione.
  3. Cerca (e medita) idee sbagliate. Se gli studenti basano una previsione su una falsa premessa o un malinteso concettuale, organizza attività per sfidare il loro pensiero.
  4. Indagini su impalcature. Struttura la loro esperienza di apprendimento per massimizzare i risultati. Fornisci loro una struttura per indagare.
  5. Usa il gioco di ruolo. Recitare personaggi (Amleto) o agenti (globuli rossi) spinge gli studenti a fare previsioni. In base a ciò che sanno del loro ruolo, come reagirà il loro personaggio? Come interagirà l'agente con altri agenti?
  6. Evidenzia schemi e connessioni. Aiuta gli studenti a riconoscere i modelli nelle loro scoperte. Mostra loro come trasformare i dati grezzi in grafici o altre rappresentazioni visive che li aiuteranno a vedere schemi e creare connessioni.
  7. Usa strategie per fare domande. Poni domande durante tutto il ciclo di indagine: quando gli studenti pongono domande, mentre indagano, quando analizzano i risultati o presentano conclusioni. In ogni fase, sfidali a spiegare il loro ragionamento e difendere i risultati.

Risorse addizionali

Il Northwest Regional Educational Laboratory fornisce una risorsa Web sul Science Inquiry Model. http://www.nwrel.org/msec/science_inq/index.html

Simulazioni e giochi

Gran parte della ricerca sull'istruzione incoraggia gli insegnanti a promuovere i tipi di ambienti e strumenti forniti da simulazioni e giochi. Ad esempio, più gli studenti usano più sistemi di rappresentazione della conoscenza, meglio sono in grado di pensare e ricordare ciò che hanno appreso (Marzano, Pickering, & Pollock, 2001). Fornire agli studenti l'opportunità di visualizzare e modellare migliora le loro possibilità di comprensione. Le simulazioni aumentano questo potenziale rendendo dinamica la modellazione. I giochi e le attività di modellazione possono suscitare curiosità, creare una domanda di conoscenza e consentire agli studenti di scoprire la conoscenza attraverso l'esplorazione (Edelson, 1998). La sperimentazione, la manipolazione dei media e l'esperienza personale sono alleati fondamentali per approfondire l'apprendimento. Sappiamo che il coinvolgimento e la motivazione degli studenti sono fondamentali per una comprensione sostenuta. Le simulazioni e i giochi offrono nuove potenti opportunità di apprendimento.

Le simulazioni danno agli studenti l'opportunità di modellare, esplorare e provare una varietà di strategie. Il gioco di ruolo è un'esperienza di apprendimento in cui gli studenti inventano, sperimentano e mettono in pratica abilità interpersonali in un ambiente a rischio relativamente basso. I giochi e le simulazioni differiscono in modo importante, sebbene i contesti possano sovrapporsi. Nelle simulazioni, nessuno “vince” ei partecipanti giocano con le esperienze che portano il loro personaggio a soffrire o trarre beneficio da decisioni e azioni. Le simulazioni sono multimodali e non lineari e si ramificano in scenari basati sulla scelta dell'utente. Infine, le simulazioni sono strutturate da regole autentiche che rispecchiano i risultati effettivi. Questa definizione può essere ulteriormente scomposta per descrivere come gli studenti possono imparare dalle simulazioni.

Le simulazioni sperimentali offrono agli studenti l'opportunità di impegnarsi in situazioni che altrimenti sarebbero troppo pericolose o proibitive da condurre in classe. Ad esempio, una simulazione di un distruttore di atomi utilizza palline di gomma per aiutare gli studenti a immaginare cosa succede in un acceleratore lineare; un simulatore di progettazione di montagne russe consente agli studenti di sperimentare con pendenza, angolo e velocità. Le simulazioni simboliche rappresentano dinamicamente il comportamento di una popolazione, un sistema o un insieme di processi. Lo studente è all'esterno che guarda dentro, conduce operazioni e manipola variabili per esplorare le reazioni. Le simulazioni simboliche consentono agli studenti di scoprire e spiegare relazioni scientifiche, prevedere eventi e apprendere abilità procedurali. Ad esempio, gli studenti di biologia possono utilizzare un software di simulazione per esplorare le implicazioni della scomparsa dell'habitat su varie specie. L'uso della tecnologia offre ambienti sperimentali senza precedenti in cui apprendere.

Serious games è un nuovo termine per i giochi che vengono applicati a obiettivi 'seri' invece che all'intrattenimento, portando la tecnologia di gioco in campi come l'istruzione, lo sviluppo delle politiche e la leadership. Grandi aziende, istituzioni governative, fondazioni, educatori e organizzazioni non profit si stanno rivolgendo ai giochi e alle tecnologie emergenti come un nuovo approccio alle simulazioni, alla formazione, all'istruzione e ad altre applicazioni pratiche.

Principali risultati della ricerca

  • Gli ambienti di simulazione e la modellazione hanno capacità uniche per migliorare l'apprendimento (Gordin & Pea, 1995).
  • Il gioco insegna strategie di competizione, cooperazione e lavoro di squadra e risoluzione dei conflitti (Neubecker, 2003).
  • L'efficacia del gioco dipende dal grado in cui i giochi simulano la vita reale (Hood, 1997).
  • Quando gli studenti sono in grado di rappresentare ed esplorare nuove informazioni nelle aule di scienze utilizzando strumenti di modellazione, sono in grado di esplorare e approfondire la loro comprensione, nonché di condividerle con gli altri. Questo li aiuta a capire i fenomeni che stanno indagando (Michalchik, V., Rosenquist, A., Kozma, R., Kreikemeier, P., Schank, P., & Coppola, B., in corso di stampa).
  • I giochi sono dinamici, intrinsecamente motivanti e comportano alti livelli di coinvolgimento. Forniscono un feedback immediato ai partecipanti e gli errori non si traducono in una perdita effettiva di risorse (Hood, 1997).
  • È stato scoperto che i giochi svolgono una serie di funzioni nell'istruzione, tra cui tutoraggio, esplorazione e pratica di abilità e cambiamento di atteggiamento (Dempsey et al., 1994).
  • Le simulazioni possono fornire agli studenti esperienze coinvolgenti verso la gestione delle crisi di apprendimento, la comunicazione e la risoluzione dei problemi, la gestione dei dati e la collaborazione (Gredler, 1994).
  • L'uso efficace dei giochi varia a seconda delle aree educative in cui vengono impiegati i giochi. I risultati migliori sono stati trovati nelle aree della matematica, della fisica e delle arti linguistiche (al contrario degli studi sociali, della biologia e della logica). È più probabile che gli effetti benefici del gioco si riscontrino quando il contenuto specifico è mirato e gli obiettivi definiti con precisione (Randel et al 1992).

Implementazione

Le simulazioni e i giochi offrono nuove opportunità di apprendimento per gli studenti. Gli insegnanti che hanno interesse ad aumentare il potenziale di apprendimento impiegano strategie come:

  1. Incorporare le simulazioni nel curriculum. Esplora le simulazioni online che offrono abilità o apprendimento di concetti.
  2. Le simulazioni supportano le raccomandazioni di ricerca correlate. Visualizza l'incorporazione di simulazioni nel curriculum attraverso la lente di altre strategie correlate basate sulla ricerca. Fornire feedback, fissare obiettivi, rappresentazioni non linguistiche, compiti a casa e pratica sono strategie supportate dalle simulazioni.
  3. Utilizza simulazioni dinamiche per modellare sistemi complessi. Aiuta gli studenti a comprendere i sistemi e le variabili utilizzando un software che consente agli studenti di vedere l'impatto del cambiamento. Questi strumenti sono incentrati sullo studente e consentono agli studenti di perseguire l'interesse individuale.
  4. Insegna abilità di apprendimento cooperativo attraverso simulazioni di giochi di ruolo. Il gioco di ruolo può fornire importanti opportunità per apprendere e mettere in pratica le abilità quando si formano gruppi di apprendimento cooperativo. Le abilità individuali e di piccoli gruppi possono migliorare con l'insegnamento e la pratica, il che a sua volta influisce sul successo dell'apprendimento cooperativo.
  5. Promuovi la consapevolezza metacognitiva. Giochi e simulazioni offrono agli studenti la possibilità di 'uscire da se stessi'. Introduci agli studenti il ​​concetto di 'guardare te stesso agire' come un modo per aumentare la consapevolezza di importanti processi meta-cognitivi. Gli studenti possono imparare a essere più autoriflessivi quando sono coinvolti in una simulazione o in un gioco.

Risorse addizionali

The Society for the Advancement of Games and Simulations in Education and Training (SAGSET) Costituita nel 1970, SAGSET è una società professionale volontaria dedicata al miglioramento dell'efficacia e della qualità dell'apprendimento attraverso l'uso di apprendimento interattivo, giochi di ruolo, simulazione e giochi. http://www.simulations.co.uk/sagset/

Per un elenco delle prossime conferenze, pubblicazioni, organizzazioni e risorse che discutono di giochi e simulazioni nel campo dell'istruzione, visitare Simulation in Education and Training. Http://www.site.uottawa.ca/~oren/sim4Ed.htm.

Future Play è una conferenza accademica internazionale sul futuro del design e della tecnologia del gioco. L'obiettivo di Future Play è riunire accademici, industria e studenti per far progredire la progettazione e la tecnologia del gioco attraverso ricerche sottoposte a revisione tra pari, progettazione e sviluppo di giochi creativi e sperimentali e discussioni formali e informali su argomenti accademici e relativi all'industria. http://www.futureplay.org/

Spunti, domande e organizzatori avanzati

Gli insegnanti preparano il terreno per l'apprendimento scoprendo ciò che gli studenti già sanno, quindi collegano nuove idee alla base di conoscenza esistente degli studenti. Utilizzando una varietà di strategie didattiche, gli insegnanti guidano gli studenti dal noto all'ignoto, dal territorio familiare ai nuovi concetti. Spunti, domande e organizzatori avanzati sono tra gli strumenti e le strategie che gli insegnanti utilizzano per preparare il terreno per l'apprendimento. Questi strumenti creano una struttura che aiuta gli studenti a concentrarsi su ciò che stanno per imparare.

Fare domande e sollecitare le risposte degli studenti con suggerimenti sono strategie che vengono naturalmente alla maggior parte degli insegnanti. In effetti, circa l'80% delle interazioni studente-insegnante coinvolge segnali e domande (Marzano, Pickering e Pollock, 2001). Mettendo a punto strategie di interrogazione con approfondimenti dalla ricerca, gli insegnanti possono diventare ancora più efficaci nel guidare l'apprendimento degli studenti.

Come le domande, anche gli organizzatori avanzati sono comunemente usati per aiutare a preparare il terreno per l'istruzione. Da quando David Ausubel (1960) ha descritto per la prima volta gli organizzatori avanzati come una strategia cognitiva per aiutare gli studenti ad apprendere e conservare le informazioni, gli insegnanti hanno sviluppato una varietà di forme per organizzare efficacemente l'apprendimento. La tabella K-W-L, ad esempio, elenca ciò che gli studenti sanno, ciò che vogliono scoprire e ciò che hanno imparato (Ogle, 1986). Gli organizzatori grafici mostrano come si relazionano nuove idee o concetti, fornendo agli studenti una struttura visiva per acquisire e organizzare nuove informazioni.

Principali risultati della ricerca

  • L'apprendimento aumenta quando gli insegnanti focalizzano le loro domande sul contenuto che è più importante, non su ciò che pensano sarà più interessante per gli studenti (Alexander, Kulikowich, & Schulze, 1994; Risner, Nicholson, & Webb, 1994).
  • Le domande di livello superiore che chiedono agli studenti di analizzare le informazioni si traducono in più apprendimento rispetto al semplice chiedere agli studenti di ricordare le informazioni. (Redfield e Rousseau, 1981). Tuttavia, gli insegnanti sono più propensi a porre domande di ordine inferiore (Fillippone, 1998; Mueller, 1973).
  • Gli organizzatori avanzati, compresi quelli grafici, aiutano gli studenti ad apprendere nuovi concetti e vocaboli (Stone, 1983). Presentare le informazioni graficamente e simbolicamente in un organizzatore avanzato rafforza l'apprendimento del vocabolario e supporta le capacità di lettura. (Brookbank Grover, Kullberg e Strawser, 1999; Moore e Readence 1984).
  • Gli studenti imparano di più quando vengono presentate le informazioni in diversi modi (Paivio, 1986).
  • Aumentando la quantità di 'tempo di attesa' dopo aver posto una domanda, gli insegnanti promuovono un maggiore discorso degli studenti e una maggiore interazione studente-studente (Fowler, 1975).

Implementazione

Gli insegnanti desiderano che il tempo dedicato alla pianificazione e all'insegnamento generi l'apprendimento più efficace e duraturo. Implementando le raccomandazioni seguenti incentrate su suggerimenti, domande e organizzatori avanzati, gli insegnanti possono trarre vantaggio dalla ricerca e massimizzare gli sforzi.

  1. Calmati. Gli insegnanti comunemente sottovalutano la frequenza con cui fanno domande in classe. Usa le domande per aiutare gli studenti a concentrarsi su ciò che è più importante da imparare. Ricorda di fare domande quando introduci nuovi contenuti e non solo alla fine di un'esperienza di apprendimento. Fare domande non solo ti dirà ciò che gli studenti già sanno, ma anche se stanno iniziando con incomprensioni su un argomento.
  2. Poni domande di livello superiore. Pensa a come formulare le domande. Ponendo domande che richiedono analisi, induci gli studenti ad andare oltre il semplice richiamo di informazioni e aiuti a sviluppare le loro capacità di pensiero di ordine superiore.
  3. Il tempo di attesa è importante. Dai agli studenti il ​​tempo di pensare prima di rispondere alla tua domanda. È probabile che una pausa di pochi secondi generi un discorso migliore in classe, inclusa una maggiore conversazione tra gli studenti.
  4. Visualizza l'anteprima del quadro generale. Aiuta gli studenti a vedere dove stai andando fornendo loro una panoramica di ciò che tratterà una lezione o un'unità.
  5. Usa più modalità. Connettiti a diversi stili di apprendimento presentando anteprime delle informazioni in diversi modi: visivamente con organizzatori grafici, verbalmente (ad alta voce) e per iscritto.

Risorse addizionali

Il Northeast Texas Consortium fornisce una risorsa per lo sviluppo di organizzatori avanzati, in particolare per l'apprendimento a distanza. Http://www.netnet.org/instructors/design/goalsobjectives/advance.htm

Il North Central Regional Educational Laboratory pubblica Pathways to School Improvement che include Critical Issues. Costruire su conoscenze pregresse e contesti / culture degli studenti significativi è una risorsa che discute l'uso di organizzatori avanzati. Http://www.ncrel.org/sdrs/areas/issues/students/learning/lr100.htm

giochi di palloncini per adulti