Gottamentor.Com
Gottamentor.Com

Henry Thomas: la scena di una bicicletta volante di E.T. non è stata così eccitante da filmare come lo era da guardare

Sono passati 30 anni da allora Henry Thomas , 41 anni, è apparso accanto a uno degli alieni più famosi della storia del cinema: E.T.


Per celebrare l'anniversario fondamentale di Steven Spielberg's E.T. L'extraterrestre , Thomas, che interpretava l'amico e compagno emotivo di E.T., Elliott, ha parlato con PARADE dell'impatto duraturo del film del 1982, delle riprese di quella famosa scena della bicicletta volante e altro ancora.

Partecipa per avere la possibilità di vincere una copia di E.T. L'edizione dell'anniversario extraterrestre firmato da Henry Thomas


100 esempi di indovinelli con risposte

Sull'impatto duraturo di E.T .
È fantastico far parte di qualcosa che è riuscito a resistere per 30 anni. Di certo non me lo aspettavo quando lo stavamo facendo. Ti dà la sensazione calda e sfocata che almeno una parte del tuo lavoro è stata apprezzata. Quando ci ripenso ora, ricordo solo il cameratismo. Ricordo la sensazione di eccitazione che stavamo facendo qualcosa di speciale.

Kelly severide sta lasciando Chicago Fire?

Sul lavoro con il regista Steven Spielberg.
È un'esperienza che fa parte della mia infanzia, quindi la ricordo bene. È stato eccitante. Avevo 10 anni ed era il secondo film a cui avessi mai lavorato. Ero davvero, davvero entusiasta di ottenere la parte e lavorare con Steven Spielberg , che era un mio eroe a causa di predatori dell'arca perduta e la sua affiliazione con George Lucas e Guerre stellari . Anche da bambino, sapevo abbastanza da sapere che lavorare con Steven era un po' come vincere alla lotteria.


Sulla costar Drew Barrymore.
Ci vediamo ogni tanto solo attraverso E.T. -cose correlate. Sono il peggior amico di penna del mondo, e sono terribile a rimanere in contatto con le persone, ma Drew ha molto successo e ha un impegno vita , e ogni volta che ci vediamo, è sempre bello.



Sulla sua prima reazione a E.T., l'alieno.
Avevo visto foto e disegni di lui quando era in fase di sviluppo. Steven [Spielberg] portava noi ragazzi in tutti i diversi reparti del lotto, e ci portava al laboratorio degli effetti speciali e al reparto artistico in modo che potessimo vedere come tutto andava insieme. Ha davvero avuto un approccio pratico a ogni aspetto del film. Penso che se avesse potuto fare tutto da solo e non coinvolgere nessun altro, allora probabilmente l'avrebbe fatto. Quando ho visto E.T. per la prima volta, ricordo di aver pensato che non avevo mai visto niente di simile prima. Non è come mi aspettavo che fosse un alieno, che penso fosse il punto. Ricordava anche un po' alcune delle creature di Incontri ravvicinati , quindi era familiare e accessibile. Questo è stato il primo film in assoluto che ricordo da bambino in cui l'alieno era in realtà un bravo ragazzo. Penso che sia parte del motivo per cui il film ha avuto così tanto successo. La gente non se lo aspettava.

Sulla famosa scena della bicicletta volante.
Non è stato neanche lontanamente eccitante filmare quanto guardare! Eravamo all'avanguardia della tecnologia nel 1982, ma in pratica consisteva in me su un bicicletta che è stato imbullonato all'estremità di una gru della telecamera e sollevato e immerso davanti a uno schermo blu in uno studio. Ma è stato emozionante vedere e, naturalmente, questa è la cosa che nove volte su dieci, anche oggi, le persone mi chiedono ancora: 'Come hanno fatto? Come hanno fatto a far volare la moto?'

Sul non cadere nella tipica trappola della celebrità infantile.
Sono stato cresciuto in modo abbastanza responsabile. Non mi sono mai sentito veramente famoso o non ho mai avuto un senso di diritto. Non sono mai stato veramente interessato a rapinare negozi di liquori o diventare un drogato. Penso che le star dei bambini siano sempre stereotipate come una cosa o l'altra perché quando sei un bambino e lavori in un mondo adulto, a volte ci si aspetta che ti comporti come un adulto e ti comporti come un adulto, e penso che un molti ragazzi crescono troppo in fretta in questo senso. Per quanto mi riguarda, non sono mai stato veramente inondato dal settore nella mia vita personale. Vengo da un ambiente piuttosto umile. I miei genitori erano solo gente della classe operaia e quello non era il mio mondo. Il mio mondo non era Hollywood e non lo è mai stato. Non ho mai pensato a me stesso come a una bambina star quando ero bambino. L'ho visto quasi come una pausa fortunata e l'ho trattato quasi come immaginavo fosse un campo estivo. È stata una specie di vacanza lavorativa.


chi lo fa non ha bisogno

Relazionato
Partecipa per avere la possibilità di vincere una copia di E.T. L'edizione dell'anniversario extraterrestre firmato da Henry Thomas

Star che hanno avuto il loro inizio nei film spettrali