Gottamentor.Com
Gottamentor.Com

Big Time Rush si apre sugli appuntamenti e sulle loro ispirazioni



Scopri Il Tuo Numero Di Angelo

Nel numero di PARADE di questa settimana, Kendall Schmidt , ventuno, James Maslow , 22, Carlos Pena , Jr. , 22 e Logan Henderson , 22 - altrimenti noto come il quartetto esuberante di Big Time Rush - si sono presi una pausa dal loro tour per chiacchierare con Connie Schultz su come la loro musica sta cambiando, bilanciare le loro vite personali, chi li ha influenzati crescendo e perché i loro fan significano così tanto per loro.

Guarda l'intervista completa nel numero di PARADE di questo fine settimana e continua a leggere per alcuni punti salienti extra dell'intervista.

Sul mantenere le loro vite di appuntamenti private.
James: Mi piace condividere il mio vita con i miei fan perché so che è quello che vogliono. Ma quando si tratta della mia vita personale e famiglia relazioni, non sento il bisogno di trasmetterne ogni dettaglio. Abbiamo bisogno di un po 'di privacy. [Parlarne] può rovinare una relazione.


Logan: Se non va bene per la vita di entrambe le persone, di solito non ne parli. L'altro giorno qualcuno mi ha chiesto della mia ultima rottura e non ho detto chi fosse, ma ho pensato, 'Sì, ho rotto con la mia ragazza, tipo, un anno e mezzo fa.' E sono rimasto sorpreso perché Mi aspettavo che chiedesse: 'E chi era quello?' E non lo fece. Ero tipo, va bene.

Carlos: Odio usare la parola famoso perché semplicemente non mi piace quella parola, ma più diventi famoso, più diventa impossibile [mantenere le cose private]. In realtà siamo stati davvero fortunati a rimanere sotto il radar. Non è stato davvero, davvero pazzo per noi.


Sulle loro esperienze scolastiche e ispirazioni:
James: Ho avuto qualcosa di straordinario insegnanti che ha influenzato la mia vita in modo positivo, e sono grato per loro. Ma una delle motivazioni più potenti che ho avuto è stata un insegnante specifico che fondamentalmente mi ha detto che non ce l'avrei mai fatta. Sono sempre stato competitivo e volevo essere il protagonista nello spettacolo che stavamo facendo, e lei voleva che qualcun altro lo facesse. A un certo punto è venuta da me e mi ha detto: 'Perché vuoi farlo? Non sarai mai il protagonista in niente. 'Le ho semplicemente sorriso e sono caduto all'indietro, ma era un fuoco che ardeva dentro. Mi ha fatto capire che spesso sono le persone che ti dicono che non puoi fare qualcosa che ti motivano a farlo più grande e migliore.



Carlos: Ho avuto un insegnante di recitazione che è stato fantastico, la signora Perkins. Ha davvero cercato di ispirarmi e di farmi andare avanti. Ma le vere [ispirazioni] sono state i miei genitori, che venivano dalla Repubblica Dominicana, si sono sposati, si sono trasferiti nel Missouri, sono andati al college, hanno iniziato una scuola materna e hanno costruito una vita dal nulla e hanno avuto molto successo. Crescendo con mio padre, ogni volta che volevo provare qualcosa, me lo lasciava provare ma non mi lasciava rinunciare. Se il calcio fosse troppo duro e io dicessi: 'Smetterò', lui risponderebbe: 'No, proverai di tutto e continuerai'. Non mi costringerebbe a farlo. , ma sarebbe molto stimolante. Mi raccontava storie su se stesso da bambino e su quanto eravamo fortunati, e questo mi ha davvero spinto a essere il migliore che potevo essere.

Kendall: Sono stato istruito a casa con un programma di charter school dal sesto grado in poi. Non sono andato al ballo di fine anno o niente del genere. Quindi ho dovuto auto-motivarmi. Dovevo fare tutte le mie lezioni; se non avessi fatto il lavoro, avrei fallito. Dovevo andare e fare i test ogni settimana, e sono finito con la A dritta.

Logan: Con la mia scuola in Texas, c'era una tale concentrazione su cose che non erano ciò che volevo fare o ciò che mi piaceva fare. Era un po 'come, 'Oh, no', se non facevi calcio o sport al liceo. Probabilmente mi sentivo abbastanza solo, tipo 'Questo sicuramente non è il posto per me'. Sono sempre stato un clown di classe, quindi non ho mai avuto problemi ad adattarmi; Ho solo avuto problemi a scoprire dove volevo davvero essere. Ecco perché a 18 anni mi sono trasferito a Los Angeles e ho pensato: 'Lo farò.' Non avevo davvero un piano B. Era sempre il Piano A. Ed è esattamente dove sono dovrebbe essere.


Più Big Time Rush su Parade.com:

Video esclusivo: i BTR rivelano le loro canzoni preferite per la doccia, le cotte di celebrità e altro ancora

Guarda le foto esclusive del servizio fotografico PARADE di Big Time Rush

Vuoi incontrare BTR? Entra per vincere quattro biglietti per vedere la band in concerto e incontrare anche i ragazzi!


Da Jackson 5 a Backstreet Boys: i migliori boy band della storia

Chi è la tua boy band preferita di tutti i tempi? Votazione!